VD

VD

Anni e anni di danni su computer e web

Starlink porterà la connettività sugli aerei

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Elon Musk aveva confermato l’intenzione di offrire una connettività mobile mediante i satelliti Starlink (SpaceX aveva chiesto una specifica licenza a marzo). Il Vice Presidente Jonathan Hofeller ha fornito ulteriori dettagli sul servizio a banda larga per gli aerei commerciali.

Starlink: connettività mobile sugli aerei

SpaceX ha recentemente completato il primo “guscio” della costellazione (in totale saranno cinque con oltre 4.400 satelliti in orbita entro il 2027). L’obiettivo principale è portare la connessione a banda larga nelle zone rurali non raggiunte dalla rete in fibra ottica. Il servizio è attualmente in fase beta e non offre prestazioni molto esaltanti. Musk garantisce però notevoli miglioramenti con l’aumentare del numero di satelliti e l’aggiornamento software.

Hofeller ha confermato l’avvio delle discussioni con diverse compagnie aeree intenzionate ad utilizzare il servizio Starlink sui voli di linea e quindi ad offrire una connessione WiFi ai passeggeri. SpaceX ha già effettuato alcune dimostrazioni, ma non sono noti i risultati. I terminali (le antenne) dovrebbe essere simili a quelle “terrestri” con alcuni miglioramenti per la connettività mobile.

Per fornire una connessione stabile, anche quando gli aerei sono lontani dalle stazioni di terra, saranno necessari i link inter-satellite (trasmissione laser dei dati tra satelliti). Questa funzionalità verrà supportata dai futuri satelliti di terza generazione.

Recentemente Viasat ha chiesto alla FCC di bloccare i prossimi lanci, in quanto il numero eccessivo di satelliti Starlink avrebbe un forte impatto ambientale, causando in particolare un eccessivo inquinamento luminoso. Attualmente Il concorrente diretto di SpaceX è OneWeb, in attesa della costellazione Project Kuiper di Amazon.

More to explorer

lo smartphone ti ascolta

Lo smartphone ti ascolta: spegni il microfono

Il Garante per la protezione dei dati personali aveva avviato un’istruttoria per verificare se le app forniscono una chiara informativa sull’uso dei dati raccolti

Scroll to Top