VD

VD

Anni e anni di danni su computer e web

Fibra ottica simmetrica a 10 Gpbs: Open Fiber e Vodafone avviano la “prima applicazione sul campo” a Catania

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Sarà lo spazio catanese di Palazzo Biscari il primo hub in Italia a sfruttare la connessione alla rete FTTH simmetrica a 10 Gbps di Open Fiber e Vodafone. La rete utilizza la tecnologia XGS-PON

Open Fiber e Vodafone hanno realizzato a Catania quella che definiscono “la prima applicazione sul campo” della fibra ottica FTTH (Fiber to the Home) che viaggia a 10 Gbps. Open Fiber aveva testato la tecnologia a Milano due anni fa.

Alla base la tecnologia XGS-PON

Si tratta di connessione simmetrica, in grado di raggiungere cioè la stessa velocità sia in download sia in upload.

Il servizio realizzato per “Isola”, lo spazio catanese di Palazzo Biscari, prevede l’uso della nuova tecnologia XGS-PON (dall’inglese 10 Gigabit-capable Symmetric Passive Optical Network) in grado di sfruttare simultaneamente la rete FTTH di Open Fiber e i servizi di connettività di Vodafone.

Tale tecnologia è a beneficio degli utenti sia business sia consumer. In questo modo le imprese e le startup presenti nell’hub siciliano potranno avere accesso a un numero maggiore di servizi ed accelerare i loro processi di trasformazione digitale.

La connettività rappresenta la base su cui sviluppare servizi digitali, motore di crescita per le imprese ed i territori” ha commentato Giorgio Migliarina, direttore di Vodafone Business. “La soluzione realizzata per Isola permetterà di creare uno spazio aperto di sviluppo con le migliori tecnologie digitali, rappresentando lo spirito di ripartenza di un territorio ad alta vocazione tecnologica e imprenditoriale”.

Oltre a Open Fiber, anche TIM sta testando la fibra ottica a 10 Gbps. A marzo la trasmissione televisiva “Amici” ha iniziato a sfruttare la tecnologia XGS-PON e TIM ha aperto alla sperimentazione a Roma, Torino e Genova in collaborazione con Nokia.

More to explorer

lo smartphone ti ascolta

Lo smartphone ti ascolta: spegni il microfono

Il Garante per la protezione dei dati personali aveva avviato un’istruttoria per verificare se le app forniscono una chiara informativa sull’uso dei dati raccolti

Scroll to Top