VD

VD

Anni e anni di danni su computer e web

Google taglia la commissione per gli sviluppatori

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Google aveva comunicato che gli sviluppatori Android con entrate di almeno un milione di dollari all’anno possono ottenere uno sconto del 50% sulla commissione dovuta per i pagamenti in-app, a partire dal prossimo 1 luglio. Ora l’azienda di Mountain View ha offerta una seconda possibilità attraverso l’iscrizione al Play Media Experience Program.

Commissione del 15% per supporto multi-piattaforma

Il requisito delle entrate milionarie taglia fuori molti piccoli sviluppatori. Google ha quindi previsto un’alternativa per ottenere l’applicazione delle commissione del 15%. L’accesso al Play Media Experience Program è tuttavia consentito solo a determinate condizioni: almeno 100.000 installazioni mensili su Google Play Store, esperienza utente di alta qualità (punteggio elevato) e integrazione di specifiche API e piattaforme Google in base al tipo di contenuto.

Il programma è rivolto agli sviluppatori Android che “investono nelle migliori esperienze multimediali attraverso i dispositivi“. In pratica, lo sconto sulla commissione verrà applicato se le app (video, audio e libri) supportano più piattaforme e quindi più dispositivi.

Per le app con contenuti video è richiesta l’integrazione con Android TV, Google TV e Google Cast. Per le app con contenuti audio è richiesta l’integrazione con Wear OS, Android Auto, Android TV e Google Cast. Infine, per le app che consentono di accedere a libri e audiolibri è richiesta l’integrazione con Wear OS e Android Auto, il supporto del nuovo Entertainment Space e ottimizzazioni per tablet e dispositivi pieghevoli.

Rimane valido l’obbligo di utilizzare il sistema di pagamento in-app di Google per le app distribuite tramite Play Store. Microsoft consente invece di usare un sistema di terze parti per le app pubblicate sul nuovo store.

More to explorer

lo smartphone ti ascolta

Lo smartphone ti ascolta: spegni il microfono

Il Garante per la protezione dei dati personali aveva avviato un’istruttoria per verificare se le app forniscono una chiara informativa sull’uso dei dati raccolti

Scroll to Top