VD

VD

Anni e anni di danni su computer e web

L’anno del 5G: un milione di abbonamenti al giorno

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Non tutte le promesse formulate negli anni scorsi in merito al rollout del 5G sono state mantenute, per diverse ragioni: le tensioni geopolitiche, le difficoltà incontrate nello stipulare i contratti tra le telco e i fornitori, la pandemia. Ora i ritmi sono però aumentati, come si legge nella nuova edizione dell’Ericsson Mobility Report, la ventesima.

La diffusione del 5G fotografata da Ericsson

Per comprendere l’accelerazione è sufficiente citare un dato: si prosegue al ritmo di circa un milione di abbonamenti al giorno. Così il 5G si appresta a diventare la generazione mobile con il più rapido tasso di adozione nella storia: raggiungerà il miliardo con 24 mesi di anticipo rispetto al 4G-LTE. Un trend spinto da Cina, Nord America e dai paesi del Golfo (Arabia Saudita, Bahrein, Emirati Arabi Uniti, Kuwait, Oman e Qatar), mentre l’Europa ha fatto registrare una partenza poco lanciata.

Le sottoscrizioni associate a un dispositivo sono aumentate di un volume pari a 70 milioni di unità nel corso del Q1 2021 e la previsione è quella di raggiungere complessivamente i 580 milioni entro la fine dell’anno. Gettando lo sguardo ancora più in là, si arriverà a 3,5 miliardi entro il 2026, con una copertura in grado di interessare il 60% della popolazione mondiale. Questo il commento di Fredrik Jejdling, Executive Vice President e Head of Networks di Ericsson.

Questa edizione dell’Ericsson Mobility Report ci dà la conferma che siamo entrati in una nuova fase del 5G, con l’accelerazione del rollout e l’espansione della copertura nei mercati pionieri come Cina, Stati Uniti e Corea del Sud. Ora è il momento di implementare nuovi casi d’uso avanzati e sfruttare le potenzialità del 5G. Imprese e società si stanno preparando ad un mondo post-pandemico, con la digitalizzazione supportata dal 5G che giocherà un ruolo fondamentale.

Il mercato dei dispositivi sta sostenendo la tendenza, con oltre 300 modelli compatibili già annunciati o lanciati. Il numero è ovviamente destinato ad aumentare fortemente nel breve periodo.

Focalizzando l’attenzione sul traffico dati, è in costante aumento. Escludendo quello di tipo Fixed Wireless Access, a fine 2020 si è giunti a superare i 49 EB (l’unità di misura, l’exabyte, corrisponde a un miliardo di gigabyte): in sei anni si arriverà a 237 EB. Il 95% transita dai telefoni, attualmente con una media mensile di 10 GB per ogni utente.

Un ruolo chiave è ovviamente quello svolto dagli operatori: nove su dieci hanno lanciato offerte FWA (4G e/o 5G), anche al fine di soddisfare le esigenze legate a una diffusione sempre più capillare delle apparecchiature appartenenti alla categoria della Internet of Things: si stima arriveranno a segnare un +80% nel 2021. Rimandiamo al sito ufficiale (link a fondo articolo) per consultare la versione integrale del report.

More to explorer

RemotePotato0, ecco la nuova falla 0-Day su Windows

I ricercatori di sicurezza di SentinelOne hanno scoperto che tutte le versioni di Windows maggiormente diffuse e usate sono vulnerabili ad una falla 0-Day che è stata denominata RemotePotato0 e

Scroll to Top