Firsty, la eSIM gratuita: come attivarla dall’Italia

Facebook
WhatsApp
Twitter
LinkedIn
Telegram

L’idea proposta da Firsty è senza dubbio molto interessante, soprattutto per chi viaggia con una certa frequenza: offre una eSIM gratuita, attivabile da tutti e già disponibile anche in Italia, senza bisogno di indicare metodi di pagamento. L’unico requisito richiesto è l’utilizzo di un dispositivo compatibile (come descritto più avanti). Vediamo di cosa si tratta e come ottenerla subito.

eSIM gratuita, per tutti: l’idea di Firsty

Al momento il servizio è operativo in Europa, negli Stati Uniti e in alcuni altri paesi (consulta l’elenco completo), seppur ancora fermo alla fase beta. I responsabili del progetto affermano di voler arrivare a garantire una copertura globale già entro il mese prossimo.

Vale la pena sottolineare che la eSIM gratuita di Firsty non assegna un numero di telefono. Si tratta infatti di una soluzione per il solo traffico dati, almeno in questa fase. Ciò nonostante, non occupando slot all’interno dello smartphone, può essere utilizzata senza problemi in parallelo a quella dell’utenza principale.

Si tratta a tutti gli effetti di un servizio freemium. La startup è stata fondata lo scorso anno e ha sede ad Amsterdam.

Come attivare l’eSIM gratuita

La prima cosa da fare per attivarla è scaricare l’applicazione disponibile per Android e iOS, direttamente da Google Play o da App Store. Poi, sarà sufficiente seguire le istruzioni mostrate. Come si legge nel primo dei due screenshot qui sotto, si potrà essere online in meno di 86 secondi.

possibile consultare l’elenco dei dispositivi compatibili, in continuo aggiornamento, visitando la pagina dedicata sul sito ufficiale. Ci sono smartphone (inclusi tutti i Pixel e gli iPhone più recenti), tablet e computer.

Due formule, una è gratis

Come anticipato, Firsty propone due formule. La prima, Free, non richiede alcun pagamento. La seconda invece, Fast, è proposta al prezzo giornaliero di 2 euro. Ecco come sono descritte.

  • Firsty Free copre l’essenziale (messaggistica, chiamate online, prenotazione di un taxi, ecc.);
  • Firsty Fast ti accompagna fino in fondo (lavoro da remoto, streaming, gaming, ecc.) e parte da 2 euro al giorno.

Come si può facilmente immaginare, quella a costo zero porta con sé limitazioni nella velocità di navigazione e richiede la riproduzione di uno spot pubblicitario ogni 60 minuti, necessaria per finanziare il servizio senza chiedere all’utente di mettere mano al portafogli.

Vale a dire che può tornare utile nelle situazioni di emergenza, soprattutto in viaggio, quando è necessario scambiare messaggi, cercare informazioni o effettuare una prenotazione mentre ci si trova all’estero senza poter contare sul roaming gratuito. La banda non è però sufficiente per lo streaming o per altre operazioni più esigenti: per queste è a disposizione l’opzione premium.

Visited 13 times, 1 visit(s) today

Continua a leggere

assistente IA per lo shopping

Giusto in tempo per il Prime Day, Amazon ha annunciato la disponibilità generale di Rufus (solo negli Stati Uniti). L’assistente, annunciato nel

Scorri verso l'alto