VD

VD

Anni e anni di danni su computer e web

Green pass italiano ed europeo: come funzioneranno

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

La situazione pandemica sta lentamente ma costantemente migliorando, e si avvicina il periodo delle ferie estive. Il nostro Paese si sta preparando ad accogliere i turisti stranieri.

Il National green pass

Si chiamerà National green pass, e consentirà ai viaggiatori provenienti da tutto il mondo di circolare liberamente in Italia a partire dalla seconda metà di maggio. La validità sarà estesa anche alle nostre regioni che in quella data dovessero trovarsi in zona arancione o rossa.

L’evoluzione dell’attuale passaporto vaccinale

Mario Draghi ha annunciato al G20 che la data dell’istituzione del pass verde nazionale sarà il 15 maggio, giorno in cui scadrà l’attuale ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza, che prevede la mini quarantena di cinque giorni per chiunque entri in Italia da un Paese dell’Ue. Per gli altri Paesi il termine sale a quattordici giorni.

Il National green pass sarà un’evoluzione dell’attuale passaporto vaccinale per spostarsi tra regioni, che inizialmente aveva suscitato più di qualche dubbio nel Garante della privacy.

I meccanismi saranno i medesimi. Ovvero, chi entra in Italia (straniero o italiano che sia) dopo il 15 maggio potrà circolare liberamente se in possesso della certificazione, che sarà rilasciata in tre casi. O una volta attestata l’avvenuta vaccinazione con uno dei vaccini attualmente ammessi dall’Ema (Pfizer, AstraZeneca, Moderna e Johnson & Johnosn), o a seguito di un tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti, o dopo l’avvenuta guarigione dal Covid-19 da non più di sei mesi.

Come funzionerà il National green pass

Ma tecnicamente, o meglio fisicamente, come si presenterà il pass per circolare liberamente in Italia?

Pare che in un primo momento si tratterà di un documento cartaceo: una certificazione rilasciata dalle autorità sanitarie, che attesti la presenza di una delle tre condizioni necessarie al rilascio del pass verde.

I tecnici starebbero comunque già lavorando a una successiva versione digitale.

La medesima documentazione dovrà essere esibita per poter accedere a spettacoli o eventi sportivi dove non può essere garantito il distanziamento sociale.

Sarà un pass a pagamento

È di martedì 11 maggio la notizia secondo cui il National green pass sarà a pagamento. A oggi manca infatti una specifica convenzione, che può essere rilasciata solo dal Ministero della salute.

Critiche le parole di Roberto Carlo Rossi, presidente dell’Ordine dei Medici di Milano: “Molti cittadini, saputo che il pass è a pagamento, si tirano indietro. Del resto non è possibile per noi fare altrimenti. Il green pass al momento non rientra nell’elenco di prestazioni convenzionate che vengono definite una per una nell’accordo collettivo nazionale, e non dimentichiamo che i medici di base sono liberi professionisti, non dipendenti del servizio sanitario pubblico.

Ci sono una serie di certificati, come per esempio quello di riammissione scolastica, che sono gratuiti perché rientrano in questa convenzione”.

More to explorer

Scroll to Top