VD

VD

Anni e anni di danni su computer e web

FIFA+: una piattaforma per il calcio, gratis

Facebook
WhatsApp
Twitter
LinkedIn
Telegram

Un po’ a sorpresa, ecco FIFA+. No, non si tratta di un nuovo videogioco della serie EA Sports, ma di una piattaforma messa online dalla federazione e dedicata a tutti gli amanti del calcio. Cosa include? Una serie di contenuti che vanno dalle notizie ai risultati dei match, fino a produzioni originali e partite da seguire in diretta streaming, oltre a un ricco archivio storico.

Cos’è e cosa offre la nuova piattaforma FIFA+

Il lancio, nell’anno dei mondiali in Qatar (ai quali purtroppo non prenderemo parte). Tra i contenuti originali c’è un film esclusivo dedicato al fenomeno di Ronaldinho, un altro su Dani Alves, la serie Captains che segue le gesta di sei capitani impegnati nelle qualificazioni alla World Cup, un documentario sull’importanza sociale dello sport in Croazia, otto episodi sul barbiere delle star Paul Pogba e Antonio Rüdiger, altri cinque dedicati alle atlete che hanno rivoluzionato il calcio femminile e un format sui generatori di talenti.

Curiosi di sapere quali saranno le partite da guardare in streaming gratis? Oltre 29.000 di calcio maschile e più di 11.000 del calcio femminile entro l’anno, dai tornei di tutto il pianeta. Nell’archivio ci sono anche la versione integrale della finale del 1970 tra Brasile e Italia dominata da Pelé e compagni e quella del 1982 che vide gli azzurri battere la Germania Ovest per alzare la coppa al cielo.

In via ufficiale, FIFA+ è disponibile inizialmente in cinque lingue: la versione più ricca è quella inglese (raggiungibile anche dal nostro paese, senza VPN o altro), poi ci sono francese, tedesco, spagnolo e portoghese. In realtà, ci risulta già online anche quella italiana, seppure con pochi contenuti. Già in download anche l’applicazione mobile per Android (Play Store) e iOS (App Store).

Continua a leggere

caduta delle crypto

Criptovalute, ecco il rimbalzino: e ora?

Di fronte alla caduta delle crypto degli ultimi giorni, basta anche solo un piccolo segnale per riaccendere la speranze. Chi cercava luce in fondo

Scroll to Top