VD

VD

Anni e anni di danni su computer e web

Ethereum: bruciati 297000 ETH dopo l’hard fork

Facebook
WhatsApp
Twitter
LinkedIn
Telegram

L’equivalente pari a oltre un miliardo di dollari andato in fumo. È quanto accaduto a Ethereum dopo l’hard fork London, l’aggiornamento della blockchain avvenuto a inizio agosto: più di 297.000 ETH sono stati tolti per sempre dalla circolazione. Si tratta della conseguenza del nuovo burning mechanism introdotto al fine di migliorare il sistema che gestisce le transazioni basato, su base fee e priority fee.

Un miliardo in fumo dopo l’hard fork London di ETH

Come riporta The Block (link all’approfondimento a fondo articolo), coloro impegnati nelle operazioni di mining generano circa 13.000 ETH ogni 24 ore, spingendo così il tasso di inflazione. Il nuovo meccanismo ha come obiettivo proprio quello di contrastare il fenomeno. Nelle ultime sei settimane, si sono registrati giorni in cui l’ammontare dei token bruciati è risultato superiore rispetto al volume di quelli prodotti.

Nel momento in cui viene scritto e pubblicato questo articolo, il prezzo di Ethereum si attesta a 3.433 dollari (fonte CoinDesk), dopo aver guadagnato il 3,3% circa nelle ultime 24 ore. In concomitanza con l’hard fork London di inizio agosto era a quota 2.500 dollari.

Continua a leggere

caduta delle crypto

Criptovalute, ecco il rimbalzino: e ora?

Di fronte alla caduta delle crypto degli ultimi giorni, basta anche solo un piccolo segnale per riaccendere la speranze. Chi cercava luce in fondo

Scroll to Top