VD

VD

Anni e anni di danni su computer e web

Digital Transformation: ancora 50 milioni per le PMI

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Oltre la metà dei 100 milioni di euro stanziati lo scorso anno per favorire la Digital Transformation delle PMI italiane è ancora disponibile. A renderlo noto un aggiornamento condiviso dal Ministero dello Sviluppo Economico.

PMI e Digital Transformation: ancora 50+ milioni disponibili

Sono più di 380 le domande presentate da dicembre a oggi, pervenute da micro, piccole e medie imprese per l’ottenimento dell’agevolazione, con l’obiettivo di supportare la trasformazione digitale dei processi produttivi relativi ai settori del manifatturiero, commercio, turismo e beni culturali.

La finalità dell’incentivo è quello di sostenere gli investimenti in tecnologie abilitanti relative al Piano Nazionale Impresa 4.0. Di seguito l’elenco dei requisiti richiesti alle realtà interessate:

  • iscrizione attiva nel Registro delle Imprese;
  • operatività in via prevalente o primaria nel settore manifatturiero e/o in quello dei servizi diretti alle imprese manifatturiere e/o nel settore turistico e/o nel settore del commercio;
  • aver conseguito, nell’esercizio cui si riferisce l’ultimo bilancio approvato e depositato, un importo dei ricavi delle vendite e delle prestazioni pari almeno a euro 100.000;
  • disporre di almeno due bilanci approvati e depositati presso il Registro delle Imprese;
  • non essere state sottoposte a procedura concorsuale e non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione anche volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il documento dedicato sul sito ufficiale del Ministero dello Sviluppo Economico.

More to explorer

RemotePotato0, ecco la nuova falla 0-Day su Windows

I ricercatori di sicurezza di SentinelOne hanno scoperto che tutte le versioni di Windows maggiormente diffuse e usate sono vulnerabili ad una falla 0-Day che è stata denominata RemotePotato0 e

Scroll to Top