VD

VD

Anni e anni di danni su computer e web

WhatsApp, fino a 4 dispositivi contemporaneamente

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

WhatsApp sta per far proprie alcune novità che da una parte promettono di cambiare non poco l’esperienza sulla chat, presentandosi quindi come estremamente innovative, ma dall’altra ricordano molto da vicino quanto Telegram consenta già di fare da tempo, presentandosi quindi come qualcosa di noto e riciclato. Resta la novità di alcune funzioni che, applicate su una community tanto ampia, promettono di ridefinire il modo di utilizzare l’app da parte dell’utenza.

WhatsApp, 4 dispositivi e messaggi effimeri

La prima novità è relativa alla sincronizzazione tra più device. Mentre oggi l’account WhatsApp è univoco tanto per l’utente quanto per il device (un solo account per ogni smartphone), presto ogni singolo utente potrà portare il proprio account su quattro dispositivi contemporaneamente. Non si tratta dunque di duplicare su WhatsApp Web il proprio account attraverso la compresenza dello smartphone: si potrà usare un device standalone in tutto e per tutto, sfruttando anche nuove versioni in arrivo per portare il clienti su più terminali (ad esempio su iPad). Se dunque lo smartphone andrà a scaricarsi improvvisamente, non si sarà tagliati fuori del tutto dalle comunicazioni: basterà dotarsi di un device di backup, il quale sarà lecitamente autorizzato all’uso sincronizzato delle chat.

La seconda novità è relativa ai messaggi effimeri. Così come nel caso precedente, anche questa funzione è già propria del mondo Telegram ed il gruppo di Mark Zuckerberg intende portarla su WhatsApp per consentire dialoghi e messaggi che possano scomparire subito dopo la lettura (entro un tempo prestabilito), senza lasciar traccia e senza consentire inoltri di sorta.

Entrambe le novità (assieme ad una serie di altri correttivi preannunciati a WABetaInfo) saranno disponibili nel futuro prossimo, senza però indicazione specifica alcuna sui tempi di adozione previsti.

More to explorer

Scroll to Top