che sia arrivato il momento del live action?

Facebook
WhatsApp
Twitter
LinkedIn
Telegram


Gli adattamenti dei videogiochi sono di gran moda. Tra quelli più richiesti, nessuno è atteso quanto quello del popolare gioco Red Dead Redemption. Il videogioco di genere open world ambientato nel west è rimasto a lungo in attesa di ottenere il suo adattamento in versione live-action. In un’intervista, il co-fondatore di Rockstar Games Dan Houser ha lasciato intendere che il settore in evoluzione è adesso davvero promettente. Fino a qualche tempo prima, la possibilità di adattare il videogioco per lo schermo non era mai stata un’idea presa sul serio. Ma ora i tempi sono cambiati e sembra essere arrivato il momento giusto per lavorare alla produzione live action di Red Dead Redemption.

Il momento giusto per Red Dead Redemption in versione live action è ora

Dan Houser ha spiegato che i dirigenti cinematografici lo avevano contattato per i diritti di adattamento già alcuni anni fa, ma nessuno di questi incontri sembrava promettente. I dirigenti sono sempre alla ricerca della soluzione migliore, ma ciò non necessariamente protegge la proprietà intellettuale. Per Houser è fondamentale mantenere l’integrità artistica e intellettuale.

Noi risponderemmo di no“, ha detto Houser quando i dirigenti hanno presentato la loro opinione su un potenziale film. “Quello che hai descritto è che tu stai girando un film e noi non abbiamo alcun controllo e ci prendiamo un rischio enorme che finiremo per pagare con qualcosa che ci appartiene. Pensavano che saremmo stati accecati dalle luci e non è stato così. Avevamo quello che consideravamo un IP multimiliardario e l’economia non ha mai avuto senso“.

Bisogna considerare che esistono adattamenti di videogiochi falliti presenti sul mercato. Ma ciò non significa che Red Dead Redemption sarebbe stato necessariamente un buco nell’acqua. Anzi. “A quei tempi, la percezione era che i giochi producessero film di scarsa qualità“, ha detto Houser. “Ora è un momento diverso.” La certezza e la fiducia di Houser fa riferimento al prestigio dei recenti adattamenti dei videogiochi, come The Last of Us e Fallout.

Le certezze degli adattamenti dei videogiochi sono quelle di The Last of Us

All’inizio, sembrava che il caso The Last of Us fosse stato un miracolo televisivo. Il mondo post-apocalittico di Neil Druckmann aveva già il vantaggio di essere uno dei migliori giochi mai realizzati. Senza missioni secondarie di alcun tipo, i giocatori sono su un unico binario, il che consente a Druckmann di intensificare la trama principale. Craig Mazin ha fatto un lavoro ammirevole nell’adattarsi allo schermo e persino migliorarlo. Il progetto di The Last of Us sembrava essere un caso più unico che raro, che non avrebbe mai potuto essere replicato di nuovo. Figuriamoci per un’opera come Red Dead Redemption.

E poi è arrivato Fallout. Amazon Prime Video ha dato seguito all’impressionante serie di HBO Max con l’adattamento del classico dei videogiochi gestito da Jonathan Nolan. Questa volta, non c’era una tabella di marcia attentamente tracciata: i personaggi sono originali. Ciò che unisce queste due iniziative è la passione per i videogiochi. Sia Mazin che Nolan erano grandi fan dei rispettivi giochi, e questa potrebbe essere in effetti la ricetta segreta. Per avere davvero successo, il live action di Red Dead Redemption ha bisogno di un team creativo che abbia la stessa passione di Houser. Mentre le tendenze continuano, sembra che non ci sia momento migliore del presente per dare vita a Red Dead Redemption.





Source link

Visited 3 times, 1 visit(s) today

Continua a leggere

Scorri verso l'alto