IT-ALERT: COS’È E COME FUNZIONA IL NUOVO SISTEMA D’ALLARME “PUBBLICO”

Facebook
WhatsApp
Twitter
LinkedIn
Telegram

Sono ufficialmente partiti in Toscana i test di IT-Alert, il nuovo sistema d’allarme pubblico per l’informazione diretta della popolazione in caso di emergenze che potrebbero interessare la collettività. Si tratta di uno step importante, che arriva a conclusione di una prima fase di test iniziata già da diversi mesi e che ora è pronta a estendersi a una popolazione più ampia.

Il 28 Giugno si è partiti dalla Toscana, mentre il 30 è stato il turno della Sardegna. Il 5 Luglio, poi, si allargherà in Sicilia, il 7 Luglio in Calabria e il 10 Luglio in Emilia Romagna. Dal Dipartimento della Protezione Civile, comunque, fanno sapere che entro la fine dell’anno verranno effettuati test anche nelle Regioni e Province Autonome non incluse in questo primo elenco, prima di procedere con l’attivazione definitiva.
L’obiettivo del test non è solo di provare la tecnologia su cui si basa, quanto più di far conoscere ai cittadini questo nuovo sistema di allarme pubblico che in caso di emergenze gravi e catastrofi imminenti può contribuire a salvare vite umane con allarmi tempestivi e aumentare la consapevolezza dei cittadini sui pericoli imminenti.

Cos’è e come funziona IT-alert

Il Sistema Nazionale di Allarme Pubblico ha l’obiettivo di informare la popolazione in caso di calamità naturali o gravi emergenze e si configura come una notifica, un messaggio che viene ricevuto dai cittadini che si trovano nelle zone interessate dall’evento calamitoso o dalla situazione emergenziale.
Conforme allo standard CAP (Common Alerting Protocol), è compatibile con tutti i sistemi operativi e le connessioni e richiede solo che il telefono sia collegato alla rete e che agganci una cella telefonica presente nella zona dell’evento.

IT-Alert è disciplinato da un’apposita direttiva dell’Unione Europea e dal Codice delle Comunicazioni Elettroniche Italiano. Come dicevamo poco sopra, viene attivato solo in caso di gravi emergenze o di eventi catastrofici, imminenti oppure in corso. La Protezione Civile, lo scorso Febbraio, ha individuato una serie di tipologie di rischio a cui applicarlo:

– maremoto generato da un sisma;
– collasso di una grande diga;
– attività vulcanica, relativamente ai vulcani Vesuvio, Campi Flegrei, Vulcano e Stromboli;
– incidenti nucleari o situazione di emergenza radiologica;
– incidenti rilevanti in stabilimenti soggetti al decreto legislativo 26 giugno 2015, n. 105 (Direttiva Seveso);
– precipitazioni intense.

Al fine di evitare falsi allarmi (infatti nei messaggi di test è presente un’indicazione chiara in cui viene evidenziato che appunto si tratta di una prova), l’attivazione avviene secondo le direttive del Ministro per la Protezione Civile e le Politiche del Mare.

A livello tecnologico, i messaggi di IT-Alert non sono degli SMS classici ma delle notifiche che viaggiano attraverso la tecnologia cell-broadcast, la quale richiede esclusivamente che il dispositivo sia connesso alle celle telefoniche degli operatori. Non è richiesta la connessione dati proprio perché, trattandosi di servizi d’emergenza, in caso di calamità naturali potrebbero esserci problemi.

La tecnologia cell-broadcast permette di inviare lo stesso messaggio a un ampio gruppo di persone collegate alle celle telefoniche geograficamente vicine alle zone interessate. Questo sistema, però, permette anche di delimitare con precisione l’area a cui inviare il messaggio, in modo tale da evitare che la notifica arrivi anche a persone che si trovano lontane dalle zone interessate.

Visited 1 times, 1 visit(s) today

Continua a leggere

la Serie Tv sbarcherà su Netflix

Soltanto pochi giorni fa Netflix comunicava l’aggiunta di Lost al grande catalogo della piattaforma. Il 15 agosto si tornerà infatti indietro, ritornando

Scorri verso l'alto