VD

VD

Anni e anni di danni su computer e web

Netflix, sanzione ufficiale per i clienti che condividono l’account con amici

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Netflix propone a tutti i suoi clienti un’estate di grandi esclusive. Nel corso di queste settimane, gli abbonati della tv streaming avranno la possibilità di accedere ai migliori titoli in circolazione. Tra questi si segnalano Lucifer, Elite Il divino codino, film sulla vita di Roberto Baggio.

Al netto delle esclusive proprio in estate, Netflix ha previsto una serie di importanti novità per gli utenti, anche sul fronte commerciali. Ad esempio, una delle battaglie della tv streaming sarà quella contro la pratica degli account condivisi. 

Netflix la nuova battaglia per battere la pratica degli account condivisi

Tale iniziativa di Netflix è già iniziata nelle precedenti settimane. Tanti utenti in Italia, nel momento del login, si ritrovano a leggere questo messaggio: Se non vivi con il titolare dell’account, ti serve un tuo account per continuare a guardare Netflix. È il tuo account? Ti invieremo un codice di verifica”

Il messaggio di errore è messo in evidenza per quei clienti che hanno condiviso o che condividono il loro account con amici e parenti. A seguito della comunicazione, agli utenti viene anche imposta una limitazione dell’account. L’obiettivo di Netflix è quello di aumentare ancora di più i controlli nel corso delle prossime settimane, al fine di eliminare per sempre la dinamica degli account condivisi.

Le regole della tv streaming sono ben chiare e non prevedono la possibilità di condivisione del profilo. Nonostante ciò, almeno il 30% degli abbonati di Netflix utilizza dividere il suo abbonamento con persone al di fuori del proprio nucleo familiare.

More to explorer

RansomEXX e LockBit 2.0

Regione Lazio: attacco con RansomEXX e LockBit 2.0

Le informazioni sull’attacco subito dalla Regione Lazio sono piuttosto confusionarie. L’unica certezza è che i sistemi informatici sono stati bloccati da un ransomware. In base alle

Scroll to Top