Governo Meloni: addio alla transizione digitale

Facebook
WhatsApp
Twitter
LinkedIn
Telegram

Il PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) riserva il 27% delle risorse alla transizione digitale, ovvero oltre 50 miliardi di euro. Nel nuovo governo Meloni non è previsto un Ministero per l’innovazione tecnologica, guidato da Vittorio Colao durante il governo Draghi e da Paola Pisano durante il governo Conte II. Chi porterà a termine i progetti avviati e quelli da avviare, rispettando la scadenza del 30 giugno 2026?

Italia Digitale 2026: chi sarà il responsabile?

Prima di lasciare il Ministero, Vittorio Colao ha pubblicato un documento che elenca i risultati conseguiti fino al mese di ottobre 2022, le attività da completare e le azioni previste per rispettare gli impegni presi in ambito nazionale ed europeo. Il piano Italia Digitale 2026 prevede due assi principali (digitalizzazione della Pubblica Amministrazione e reti ultraveloci) e cinque aree sotto la diretta responsabilità del MITD (connettività, servizi digitali/PA Digitale 2026, sanità digitale, competenze digitali e spazio) per un totale di 18 miliardi di euro.

Nel programma presentato dal centrodestra prima delle elezioni ci sono solo tre riferimenti al digitale: potenziamento e sviluppo delle infrastrutture digitali ed estensione della banda ultralarga in tutta Italia (punto 2), digitalizzazione, efficientamento e ammodernamento della Pubblica Amministrazione (punto 3) e supporto alla digitalizzazione dell’intera filiera del settore turistico e della cultura (punto 10). L’assenza di un Ministero dedicato potrebbe indicare che questi temi siano poco importanti per il nuovo governo e forse l’attuale organizzazione (appendice 1 del documento) verrà smantellata.

I compiti assegnati ad un singolo dicastero verranno probabilmente suddivisi tra Ministero delle Imprese e del Made in Italy (guidato da Adolfo Urso), Ministero della Pubblica Amministrazione (Paolo Zangrillo) e Ministero degli Affari europei e PNRR (Raffaele Fitto). Possibile anche la nomina di un Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, al quale verranno trasferite tutte le deleghe in materia digitale. È tuttavia evidente che il “peso” sia inferiore a quello di un Ministero. Eppure l’ex Ministro Colao era stato piuttosto chiaro, consigliando di “mantenere un forte presidio e coordinamento a livello di Presidenza del Consiglio sul digitale, sull’innovazione e sulla tecnologia“.

Visited 1 times, 1 visit(s) today

Continua a leggere

assistente IA per lo shopping

Giusto in tempo per il Prime Day, Amazon ha annunciato la disponibilità generale di Rufus (solo negli Stati Uniti). L’assistente, annunciato nel

Scorri verso l'alto