VD

VD

Anni e anni di danni su computer e web

Cashback e Super Cashback 2.0, tre mesi e si riparte

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Alzi la mano chi ricorda il Cashback di Stato. Un anno fa circa, nelle aule della politica nostrana, in piena pandemia e con l’avvicinarsi della seconda ondata, si discuteva di come introdurre un’iniziativa finalizzata a incentivare l’utilizzo dei pagamenti elettronici a discapito del contante, abbattendo al tempo stesso la quota di evaso che impatta in modo significativo sulla collettività. Così titolavamo un articolo del 25 settembre 2020: “Conte, idea anti-contante: un cashback di Stato”. Il resto è storia, tra un avvio farraginoso, ottimi numeri registrati una volta ingranata la marcia giusta e qualche distorsione del programma Super Cashback dovuta in primis a un regolamento scritto troppo frettolosamente, nonché alla volontà di scalare posizioni in classifica grazie alle solite furbate.

Oggi ci troviamo esattamente a metà di quel semestre sabbatico imposto dal governo Draghi con la sospensione decisa a giugno, per destinare le risorse a progetti di altra natura. Si ripartirà a gennaio 2022. Pardon, si dovrebbe ripartire a gennaio 2022, perché da tre mesi a questa parte tutto tace. Niente nuove, buone nuove?

Cashback di Stato 2.0: si ripartirà l’1 gennaio 2022

Il pagamento del rimborso fino a 150 euro maturato sulle spese quotidiane è stato completato, in favore di circa 6,1 milioni di cittadini. I 100.000 che hanno diritto ai 1.500 euro del Super Cashback dovranno invece attendere come previsto fino a novembre. L’app IO è già pronta a ripartire (come mostra lo screenshot qui sotto), quelle degli altri issuer convenzionati anche, avendo già introdotto nei primi sei mesi dell’anno i perfezionamenti necessari. I fondi già stanziati. Insomma, il serbatoio è pieno, il tagliando è fatto, il motore caldo, bisogna solo inserire la chiave nel quadro e avviare la macchina.

More to explorer

lo smartphone ti ascolta

Lo smartphone ti ascolta: spegni il microfono

Il Garante per la protezione dei dati personali aveva avviato un’istruttoria per verificare se le app forniscono una chiara informativa sull’uso dei dati raccolti

Scroll to Top