VD

VD

Anni e anni di danni su computer e web

DuckDuckGo: più privacy su desktop e Android

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

DuckDuckGo ha annunciato l’arrivo di interessanti novità per gli utenti che vogliono navigare online senza essere tracciati e quindi con il massimo rispetto della privacy. L’azienda statunitense ha condiviso inoltre alcuni dati relativi all’uso delle app e del motore di ricerca. È anche arrivato un cospicuo finanziamento di oltre 100 milioni di dollari da vari investitori.

DuckDuckGo: tool per email, Android e desktop

DuckDuckGo offre un motore di ricerca privato, la navigazione cifrata e il blocco dei tracker attraverso estensioni e un browser mobile. Tutto ciò è stato combinato in un singolo download che l’azienda chiama “all-in-one privacy bundle“. Negli ultimi 12 mesi è stato scaricato oltre 50 milioni di volte e il traffico è aumentato del 55%. In alcuni paesi (Stati Uniti, Canada, Australia e Olanda), il motore di ricerca mobile ha raggiunto il secondo posto.

Visto il crescente interesse verso l’argomento privacy, DuckDuckGo ha previsto il lancio del tool Email Protection (versione beta) tra qualche settimana, mentre in estate sarà disponibile l’app per il blocco dei tracker su Android. Entro fine anno verrà infine rilasciata una versione desktop dell’app mobile che potrà essere utilizzata come browser principale.

Nel comunicato viene evidenziato il successo della tecnologia App Tracking Transparency (ATT) di Apple introdotta con iOS 14.5. Negli Stati Uniti, l’84% degli utenti ha scelto di non essere tracciati dalle app. La “guerra” contro le pratiche di Google è testimoniato dal blocco del tracciamento FLoC incluso in Chrome.

La Commissione europea ha recentemente imposto a Google di modificare il “choice screen” su Android. L’eliminazione del modello basato sulle aste a pagamento avrà sicuramente benefici per la popolarità di DuckDuckGo.

More to explorer

lo smartphone ti ascolta

Lo smartphone ti ascolta: spegni il microfono

Il Garante per la protezione dei dati personali aveva avviato un’istruttoria per verificare se le app forniscono una chiara informativa sull’uso dei dati raccolti

Scroll to Top