VD

VD

Anni e anni di danni su computer e web

L’Apple Watch può davvero rilevare il COVID-19?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Apple, pochi mesi fa, aveva annunciato una collaborazione con l’Università di Washington e il Seattle Flu Study per scoprire se l’Apple Watch potesse, in qualche modo, risultare lo strumento adatto per identificare il COVID-19. Cosa ne stato di quella collaborazione? Apple Watch può davvero farlo? Scopriamo insieme tutti i dettagli.

Apple Watch individua il COVID-19?

A settembre del 2020, durante l’evento Time Flies, Apple aveva annunciato questa interessante collaborazione. Lo scopo principale di questa partnership era quello di scoprire se l’Apple Watch potesse rivelarsi lo strumento in grado di identificare problemi respiratori, in particolare causati dal COVID-19.

Dopo l’annuncio, però, non abbiamo più avuto notizie riguardanti la collaborazione, almeno fino ad ora. Secondo quanto rivelato da Apple, la società e i centri di ricerca hanno recentemente avviato gli studi. Oltretutto hanno condiviso maggiori dettagli riguardo la possibilità di potersi candidare e partecipare a questa iniziativa.

Apple ha rivelato che i candidati verranno selezionati tra le persone residenti nell’area di Seattle. Inoltre dovranno avere un’età pari o superiore ai 22 anni e devono essere in possesso di un iPhone 6s o successivi. Per quanto riguarda invece lo smartwatch, sarà proprio Apple a fornirlo ai candidati. Si tratta di un Series 6 che dovrà essere indossato giorno e notte nell’arco dei sei mesi in cui Apple raccoglierà i dati insieme ai due centri.

I candidati dovranno indossare solo l’Apple Watch e compilare dei questionari forniti da Apple.

Per concludere Apple ha rivelato che Series 6 utilizzerà il sensore dedicato alla misurazione dell’ossigenazione del sangue e di rilevamento del battito cardiaco. In questo modo proverà a stimare dei modelli in grado di indicare la presenza di sintomi di malattie collegate all’apparato respiratorio.

Lo scopo è quello di valutare e scoprire se ci sono segnali che permettano di identificare la malattia prima di effettuare una diagnosi. Siamo curiosi di scoprire se questa iniziativa porterà risultati concreti.

More to explorer

Scroll to Top